CAPAREZZA – Museica Tour

museicaPIAZZA DE I CAVALIERI – PISA – 4 SETTEMBRE  2014

info e biglietti qui

“Museica” è il sesto album dell’artista pugliese dai capelli riccioli. E’ il terzo lavoro consecutivo pensato come un concept che ha come fil rouge la storia dell’arte omaggiando molti artisti diversi tra loro. Caparezza infatti canta di un’ipotetica visita ad un museo nel quale sono conservate le 19 tracce (opere).
Le tematiche si alternano ai diversi stili musicali passando dal rock di “Mica Van Gogh”, nella quale il pittore olandese è il mezzo di confronto per una critica alla generazione dei social network, alla rap-ballad di “China Town” passando al metal di “Argenti vive”, dove un famoso dannato della Divina Commedia risponde alle accuse mosse da Dante.
In questo cd l’impegno sociale di Caparezza continua a stupirci e da sempre si alterna a momenti goliardici: la traccia inserita nel mezzo del disco è la concitata “Canzone a metà” che ci aiuta a riflettere, criticando ironicamente, su tutto ciò che viene lasciato a metà per paura di fallire.
“Comunque Dada” viene presa come pretesto per trattare il tema pacifista, il folk di “Non me lo posso permettere” è strettamente legata a “Compro Horror”: amare sintesi del momento economico attuale, dove la crisi economica combacia con la crisi di valori in tema di cronaca nera.
L’ultima parte del disco è lo spazio dedicato allo sfogo personale dell’artista: le canzoni “Toppo politico”, “E’ tardi” e “Sfogati” sono delle prese in giro nei confronti di chi critica a tutti i costi per partito preso.
Con questo album Caparezza conferma la sua superiorità artistica regalandoci testi pungenti, taglienti e sempre attuali. Caparezza

 

Michele Salvemini, in arte Caparezza nasce il 9/10/1973 a Molfetta (BA).

Iniziò a cantare già da bambino con il nome Mikimix componendo canzoni melodiche e minimali, riscuotendo però poco successo di pubblico e di critica.

Nel 1999 dopo varie tappe lavorative in Italia, Mikimix decise di tornare a Molfetta dove continuò a comporre con il nome di Caparezza (“Testa riccia” in dialetto Molfettese) e realizzò tre demo dai titoli “ricomincio da Capa”, “Con Caparezza… nella monnezza” e “Zappa”. Nello stesso anno venne pubblicato il suo primo album dal titolo “?!” riprendendo 12 su 14 tracce dalle demo.

Nel 2003 Caparezza pubblicò il suo secondo album in studio dal titolo “Verità supposte”. Il disco ottenne un discreto successo grazie anche ai singoli estratti tra cui “Fuori dal tunnel”. Questo pezzo divenne un vero e proprio tormentone estivo nonostante non fosse questo l’intento di Caparezza che ha sempre protestato per l’utilizzo di questo brano nelle discoteche ed in programmi televisivi come Amici di Maria De Filippi. Il testo è una forte critica al divertimento notturno che impone a tutti di svagarsi allo stesso modo ed è stato invece assorbito ed utilizzato proprio a tale scopo. Questo accadimento servì a Caparezza per dimostrare, durante le varie interviste, come nella società della comunicazione si possa ancora distorcere completamente il testo di un testo.

Nel 2006 pubblicò il terzo album dal titolo “Habemus Capa” da cui i singoli “la mia parte intollerante”, “Torna Catalessi” e “Dalla parte del toro”. Nel 2008 tocca al quarto album dal titolo “Le dimensioni del mio caos” e a distanza di tre anni, nel 2011, preceduto dal singolo “Goodbye Malinconia” esce il quarto album “Il sogno eretico”.

Dopo un silenzio di altri tre anni il 4 marzo 2014 Caparezza pubblica sul proprio canale YouTube il videoclip di un nuovo brano intitolato “Cover” che annunciava l’uscita di “Museica”. L’album ha debuttato alla prima posizione della classifica italiana degli album e continua a mantenere ottime posizioni.

Lascia un commento